domenica 18 febbraio 2018

OLIMPIADI



Scorrendo i post al tag SPORT ti renderai conto di quanto siano sportivi i canadesi: d'estate all'aperto e d'inverno al coperto ma soprattutto all'aperto, perchè il freddo non li spaventa! E qualche volta salta fuori qualche campione.
Alle Olimpiadi TEAM CANADA -  in questa edizione composto da  226 atleti - ha sempre conseguito degli ottimi risultati e finora si sta comportando bene:
5 MEDAGLIE D'ORO (curling, pattinaggio di figura, freestyle ski, pattinaggio di velocità, short track) a cui si aggiungono per ora 5 argenti e 6 bronzi ma non è tutto finito a Pyeongchang.



L'alce KOMAK è la mascotte di
TEAM CANADA 

martedì 13 febbraio 2018

CIRQUE DU SOLEIL - TORUK IL PRIMO VOLO


Le date:
dal 15 al 18 novembre Torino, Pala Alpitour
dal 22 al 25 novembre Casalecchio di Reno (Bo), Unipol Arena


Ti sembra presto pensare a cosa farai il prossimo novembre? 
Beh, non è mai abbastanza presto per prenotare il tuo biglietto per l'imperdibile spettacolo del CIRQUE DU SOLEIL!
TORUK
Info per l’acquisto del biglietto: Siti www.livenation.it oppure www.ticketone.it



Fondato nel 1984 da un ex-mangiatore di fuoco allora ventitreenne Guy Laliberté a Montreal, dove nella zona del porto è tuttora basata la sede mondiale della compagnia in un enorme tendone colorato, ha circa 3800 dipendenti, che animano attualmente 8 spettacoli in tournée con tendoni in tutto il mondo, e altri 9 spettacoli stabili, ognuno con differenti tematiche a Montreal, a Las Vegas (6 spettacoli), a New York, a Orlando e a Macao. 

venerdì 9 febbraio 2018

PREMIO CANADA-ITALIA PER L'INNOVAZIONE 2018

 Canada-Italia Innovation Award 2018
Prix Canada-Italie pour l’Innovation 2018

Prix Canada-Italie pour l’Innovation 2018 - logo



Tutte le informazioni e le modalità di presentazione delle domande sono disponibili alle seguenti pagine web:
inglese 
francese
Bisogna appuntarsi subito la data del 2 aprile 2018 quale ultima data valida per la presentazione  del proprio progetto.

Il Premio Canada-Italia per l’Innovazione è un'iniziativa dell'Ambasciata del Canada in Italia che mira a rafforzare i legami tra i due paesi in materia di Innovazione. Il Premio è rivolto a ricercatori, scienziati, innovatori e startupper italiani interessati a sviluppare e approfondire le proprie ricerche con colleghi e omologhi canadesi in ambiti e settori ritenuti prioritari dal Governo del Canada.

Qui un video di presentazione su YouTube/Ambasciata del Canada https://youtu.be/KrnHEkxS1KY


  • info dal sito dell'Ambasciata del Canada 

mercoledì 7 febbraio 2018

BON SOO CARNIVAL 2018

https://www.bonsoo.on.ca/

A Sault-St-Marie, nel nord dell'Ontario, si svolge ogni anno un simpatico carnevale: diciamo subito che bisogna avere coraggio e sprezzo delle basse temperature. 
Eggià, perchè qui la fanno da padrone il freddo ed il ghiaccio, e il divertimento più sfrenato si gusto all'aperto! Dal 2 all'11 febbraio 2018.
Fattene un'idea guardando queste poche foto:

domenica 4 febbraio 2018

CANADESI IN ITALIA

DAL SITO DELL'AMBASCIATA DEL CANADA IN ITALIA


Derrick De Kerckhove
Jan Lisiecki
4 febbraio
Solo recital
Salone Estense, Varese
6 febbraio
Solo recital
Conservatorio “G. Verdi”, Milano
Concerto

Louis Lortie
Louis Lortie
 7 febbraio
Louis Lortie, pianista

Teatro Verdi, Trieste
11 febbraio
Perugia Musica Classica

Sala dei Notari, Perugia
19 febbraio
Conservatorio, Milano

Concerto

Yves Desjardins-Siciliano
Yves Desjardins-Siciliano
8 febbraio
Yves Desjardins-Siciliano
Diversity Brands Summit
Fondazione Feltrinelli, Milano
Conferenza/Conférence/Conference

Nuvola © Caitlind RC Brown e Wayne Garrett
Nuvola © Caitlind RC Brown e Wayne Garrett
 10-17 febbraio
Caitlind RC Brown e Wayne Garrett
Nuvola
Cidneon, Festival internationale delle luci
Castello di Brescia, Brescia
Mostra

Sheila McKinnon
Invisible Light © Sheila McKinnon
14-23 febbraio
Sheila McKinnon

Invisible Light
Camera dei Deputati, Roma
Mostra

Pat Lok<
Pat Lok
16 febbraio
Pat Lok

Fabrique, Milano
Concerto

Derrick De Kerckhove
Peach Pit
21 febbraio
Peach Pit
Astoria, Torino
22 febbraio
Largo, Roma
23 febbraio
Lughè, Lugo (Ravenna)
Concerto


TBC febbraio
Tomson Highway
Conferenza/Conférence/Conference

Derrick De Kerckhove
Milk
TBC febbraio
Naomi Weis
Milk
Auditorium, Vaticano
Cinema

Derrick De Kerckhove
Jana Sterback
TBC febbraio
Jana Sterback
MAXXI, Roma
Conferenza/Conférence/Conference

Primary navigation

venerdì 2 febbraio 2018

Rileggiamo... FORT CHAMBLY

Risultati immagini per fort chambly quebec

A soli 20 minuti da Montréal (una trentina di chilometri), assai vicino alle Rapide del fiume Richelieu, Fort Chambly è una preziosa testimonianza della presenza francese in Nord America.
Originariamente (1665) costruito e ricostruito per ben 3 volte completamente in legno, il forte (allora chiamato Fort Saint-Louis) proteggeva la “Nouvelle-France” dagli attacchi degli indiani Irochesi. Nel 1709, sotto la minaccia di una invasione inglese, il governatore Vandreuil ordinò che l'intero complesso venisse ricostruito in pietra (1711).
La conquista del forte da parte dell’esercito britannico il 1° settembre 1769, determinò la fine del controllo francese a Chambly.  Gli inglesi ne fecero un vasto complesso militare che verrà abbandonato solo alla fine del XIX secolo.
Mr. J.O. Dion, gardien du Fort Chambly.jpg


Destinato a scomparire e a essere dimenticato sotto il peso del tempo, la fortificazione fu salvata dalla determinazione di Joseph-Octave Dion (Chambly 1838-1916) giornalista di mestiere, appassionato di storia e dei suoi monumenti. Dion dedicò più di 35 anni della sua vita al restauro ed alla conservazione di questo gioiello di interesse architettonico e storico. Parks Canada-Parcs Canada ha  restaurato il complesso militare nel 1983. La sua importanza storica deriva anche dal fatto di essere l'unica fortificazione del regime francese conservata fino ai giorni nostri in Nordamerica.


Un’audioguida del museo vi condurrà indietro nel tempo per scoprire la vita quotidiana dei soldati francesi e degli abitanti del XVIII secolo. Un'altra opportunità è affidarsi in loco a un gruppo di guide-interpreti in costume d'epoca che vi inviterà a partecipare alle attività del sito storico:
  • storia e architettura del forte;
  • le uniformi dei soldati francesi del 1750;
  • oggetti ritrovati durante gli scavi archeologici nell’area del forte;
  • programmi di vari livelli per gli studenti
  • rievocazioni storiche a tema
  • ristorazione con menù d'epoca
     Fort Chambly National Historic Site- Lieu historique national du Fort-Chambly

Post del 3/12/2015

mercoledì 31 gennaio 2018

BEAR 148

In questa foto della CANADIAN GEOGRAPHIC SOCIETY si può ammirare Bear148 in una simpatica espressione mentre si nutre di deliziose gemme di tarassaco.

Si chiamava BEAR 148, una stupenda orsa grizzly di appena 6 anni che aveva eletto quale suo habitat il territorio attorno a Banff, nella provincia dell'Alberta sul versante est delle Montagne  Rocciose, là dove l'aveva allevata la mamma insegnandole tutto ciò che serve per sopravvivere nella foresta a distanza di sicurezza dall'uomo. Certo che una zona densamente abitata da orsi e altri animali selvaggi nel tempo ha visto crescere una famosa stazione di villeggiatura estiva ed invernale, un enorme campo da golf, un'autostrada che percorre tutta la vallata... 

Un cacciatore, voglioso di portarsi a casa un trofeo, l'ha uccisa lo scorso settembre a McBride in British Columbia sul versante ovest dell Rocciose; ironia della sorta, è successo a pochi giorni dall'entrata in vigore del divieto assoluto di caccia all'orso in tutta la provincia del British Columbia. E se fosse rimasta in Alberta, qui non sarebbe potuta essere cacciata legalmente per le già severe regole in vigore su tutto il territorio provinciale. Soltanto  ai nativi  è riconosciuto il diritto di caccia all'orso ai fini di nutrimento o scopi cerimoniale. 

Nata nei pressi d Banff si era sempre premurata di stare alla larga dalla gente e farsi rispettare. Molti fattori (età e maturità sessuale, etc) la spinsero nei dintorni della cittadina di Canmore. Non aveva paura degli esseri umani. Ma calcolando (tramite GPS) che arrivava a poche decine di metri dall'abitato, si decise di spostarla in un'area più isolata nel parco adiacente, il Kootenay National Park. Tempo dieci giorni e Bear 148 era già tornata a Canmore. Ed ecco che per il suo benessere e quello delle persone fu trasferita ancora più a nord, nel Kakwa Wildland Provincial Park nella provincia dell'Alberta. E da qui Bear 148 ha cominciato a riportarsi verso sud alla ricerca di un habitat più consono alle sue esigenza o forse addirittura nel tentativo di 'tornare  a casa'.





Si erano dati 'appuntamento' in stazione:
 
BEAR 148 e BEAR 126 alla stazione di Banff fotografati da http://ghostbear.co/saving-bear-148/



BEAR 148 alla partita di rugby a Banff.




venerdì 26 gennaio 2018

RILEGGIAMO... INDIAN PAINTBRUSH

 

Viaggiando sulle strade dell’Ovest nordamericano non puoi non averlo notato. Un bellissimo fiore (anzi, si tratta di foglie terminali) dai colori sgargianti, sfumature dal giallo all’arancione al rosso e anche al viola.
Si tratta della Castilleja, una pianta perenne alta dai 20 agli 80 cm. che cresce copiosa durante tutto l’arco dell’estate, nei prati aperti o slarghi del bosco su terreni asciutti e ben drenati. Questa pianta parassita ottiene nutrimento dalle radici di altre piante senza tuttavia danneggiarle. Il nome comune INDIAN PAINTBRUSH (pennello indiano) si ispira alla sua forma ed alla gamma di colori che ognuna delle innumerevoli specie di Castilleja può esibire.
Ne rimasi affascinata fin dal primo avvistamento sul ciglio della strada durante un viaggio qualche anno fa sulle Rocciose (da Banff a Prince Rupert) e non persi poi l’occasione per acquistarne una bustina di sementi nel Seed Shop dei Butchart Gardens a Victoria. http://www.butchartgardens.com/
Ahimè, l’esperimento fallì disastrosamente! Confesso che ho ripetuto il tentativo l’anno dopo. Niente da fare.
Avrei dovuto saperlo… le istruzioni per la semina sono chiare: growing paintbrush is a process which requires planning and a little luck

Ci vuol ben più che un po’ di fortuna ed un pollice verde davvero.

Nota: rielaborazione del post del 9.10.2008