venerdì 18 aprile 2014

AUGURI!

JOYEUSES PAQUES
HAPPY EASTER
BUONA PASQUA

da
BLUE WHALEFEUILLE D'ERABLE &GRIZZLY BEAR

giovedì 17 aprile 2014

CANADIAN GEOGRAPHIC PHOTO CLUB

Il CANADIAN GEOGRAPHIC (la rivista bimestrale della Royal Canadian Geographical Society (RCGS) di tanto in tanto mi chiede un parere... come è difficile scegliere fra queste meravigliose immagini!!!


Ginette, we need your help 
in selecting the front and back covers for the special 
Canada's Parks Photography 2014

Choose the best cover from the WEST ....



























... and the best cover from the EAST!
 



lunedì 14 aprile 2014

SEPARATISMO QUEBECCHESE IN DECLINO, VINCONO I LIBERALI




Il neo-eletto Primo Ministro del Québec, PHILIPPE COUILLARD, leader del PARTI LIBERAL DU QUEBEC dal marzo 2013                     http://fr.wikipedia.org/wiki/Philippe_Couillard

I risultati delle elezioni provinciali in Québec danno un chiaro segnale del declino dell’anima separatista della provincia francofona. Il Parti Québécois deve lasciare la leadeship al Parti Libéral.

Segue un editoriale del GLOBE&MAIL che traccia la storia di mezzo secolo del movimento politico che ha fatto discutere, e non solo, intere generazioni, in Québec ed in tutta la nazione.

GLOBE EDITORIALS

What Quebeckers voted for,

and against


Almost from its beginnings half a century ago, the separatist project in Quebec recognized that it had a problem: Most Quebeckers are not in favour of separating from Canada. Plus ça change, plus c’est la même chose, and then some.
In 1980, René Lévesque’s Parti Québécois didn’t dare ask voters a straight-up question, namely, whether they wanted to become an independent country. Honesty would have meant certain defeat. Instead, voters were presented with something mysterious known as “sovereignty-association.” The ballot asked Quebeckers to give the “Yes” side a “mandate to negotiate” a “new agreement with the rest of Canada.” It would feature, among other things, “an economic association” with Canada, “including a common currency.” What’s more, the referendum question promised that “any change in political status” resulting from these negotiations would have to be approved by another referendum. The PQ leadership understood that Quebeckers would only vote for independence if they could be convinced that they weren’t really voting for independence.
In the 1995 referendum, the “Yes” side were once again “souverainistes” and not “indépendantistes.” The question once again was evasive. A vote for “sovereignty” would mean not independence, but some kind of renewed “partnership” with Canada. Voters were asked, “Do you agree that Quebec should become sovereign after having made a formal offer to Canada for a new economic and political partnership within the scope of the bill respecting the future of Quebec and of the agreement signed on June 12, 1995?” What bill? What agreement? Many voters were under the impression that voting “Yes” meant that the province would remain within Confederation. Making things overly clear was not in the interest of the “Yes” forces; it is now well known that the PQ government’s plan was to use a victory at the ballot box to make a quick dash for independence. Voters were to be sold one thing, only to wake up to find it had been substituted for another.
A great irony of the separatist project is that it is always more honest about its objectives in defeat than during a campaign. This was never more true than late on Monday night, as the three dauphins of the PQ – Pierre Karl Péladeau, Jean-François Lisée and Bernard Drainville – and defeated Premier Pauline Marois appeared on stage together and delivered concession speeches. After spending an entire campaign pretending that independence was a word they’d never heard of, that sovereignty was the furthest thing from their minds, and that the threat of another referendum was some slander dreamed up by their opponents, the defeated but defiant PQ brain trust was happy to reveal that sovereignty, one way or the other, remains the cornerstone of the party, and the polestar of their political lives.
Quebec voters are wise to the game. They’ve been wise to it for years. The PQ doesn’t have to speak about another referendum for voters to know that it is feverishly obsessed with almost nothing else. And other parties, namely the Liberals and the Coalition Avenir Québec, also know that this is what voters are thinking. Both built their electoral strategy around a clear understanding of voters’ desires and fears: They desire peace and normalcy; they fear another referendum. The Liberals don’t want a referendum as a matter of principle. The CAQ, which picked up nine formerly PQ seats on Monday, is committed to not holding another referendum for practical reasons: because most Quebeckers, even those who identify as nationalists, do not want it.
Quebec politics is complex and nuanced, but it sometimes is also very simple. Two parties promised to worry about something other than referendums, and they won two-thirds of the vote. Quebeckers aren’t prepared to risk jobs, the economy and society in pursuit of an illusion.
Separatism is not dead in Quebec, but it remains a minority preference. That does not mean it cannot ever grow its appeal in the future. The wedge issue of the charter of values was an attempt to do just that, by creating an atmosphere of crisis and a siege mentality, aimed at whipping up nationalist passions, electing the PQ and creating tensions with the rest of Canada. The sovereigntist project cannot succeed in an atmosphere of calm; its fuel is crisis. Without a crisis, it hasn’t a hope. Voters understood that the PQ’s agenda, had it won Monday’s election, would have been to spend the next four years provoking crises and planning a dash to a third referendum.
The election of Philippe Couillard’s Liberal Party does not spell the end of the sovereigntist project. It may not spell the end of the PQ. But it does offer the hope of four years of relative normalcy and peace. They’re breathing a sigh of relief in Ottawa, and an even deeper one across Quebec.
 Ecco alcuni dei molti articoli apparsi in questi giorno nella stampa provinciale e nazionale:


mercoledì 9 aprile 2014

LA SEMAINE DU DESIGN



Tra i designer protagonisti del Salone del Design a Milano spiccano 2 artisti quebecchesi  da tempo trapiantati con successo in Italia. Le loro opere sono visibili allo Spazio Oberdan di Milano fino al 12 aprile. Vedi manifesto.


ALBERT LECLERC 
Il più italiano dei "québécois" , è conosciuto in Italia per aver collaborato con Giò Ponti all'inizio degli anni sessanta e in seguito per un periodo di quasi due decenni in stretto contatto con Ettore Sottsass durante gli anni della mitica Olivetti . 




GINETTE CARON
Vanta collaborazioni con marchi prestigiosi: Barilla, Benetton, Bulgari, Ferragamo, Moleskine, Prada, Zucchi e molti altri ancora. 

venerdì 4 aprile 2014

MURALES DI CORSO ITALIA



Nel sottopasso di Preston Street nella Little Italy di  Ottawa campeggia un luuungo murales; è variopinto ma i colori dominanti sono quelli del tricolore!
Cliccando su
http://johnsankey.ca/mural4.html (Nel sito ogni 'quadro' è spiegato e commentato)
troverai 3 pagine che riproducono le singole scene dipinte che raccontano la storia  di persone di origine italiana e loro associazioni  che nella capitale federale (così come  in tutto il resto del Canada) si sono insediati con successo, senza però dimenticare le proprie radici, usi e costumi della madre patria.  
Perfettamente ITALO-CANADESE!












 


mercoledì 2 aprile 2014

UPPER CANADA VILLAGE



A ritroso nel tempo di oltre cent’anni: questa è la sicura sensazione che si riceve mettendo piede all’ UPPER CANADA VILLAGE, Morrisburg, Ontario.
Per rendere l’ambientazione storica sorgono abitazioni, negozi, mulini, stalle, la segheria, la scuola ela chiesa, una taverna, il giornale locale, il fornaio, il ciabattino, la latteria etc., una quarantina di edifici pre-confederazione spostati e sistemati qui durante la costruzione del St. Lawrence Seaway che a causa degli sbarramenti e canali sul fiume provocava inondazioni sulle rive del San Lorenzo.    

Tutti perfettamente ‘vivi’ grazie all’opera di comparse in costume che vivono, lavorano, studiano come si faceva all’inizio della colonizzazione del Canada.  A spasso camminando o su un carretto trainato da cavalli da tiro si percorrono le vie tra deliziose villette dai giardini curatissimi; se è ora della mungitura troverai l’allevatore all’opera con le mucche; se è tempo di fienagione potrai osservare la maestria del contadino ed i suoi familiari al taglio e raccolta del fieno; sentirai un ritmico martellare e vedrai lo stagnino che ripara un pentolone. Pranzare  al Willard’s  Hotel ti delizierà, in tutti i sensi della parola! L’arredamento, il menù, le cameriere… tutto rigorosamente in stile 1860.
Merita una visita rilassante e prolungata. ‘Toccata e fuga’ da evitare. Anche perchè ti verrà voglia  di non andare mai via!

 

 
 

l' UPPER CANADA VILLAGE merita una visita rilassante e prolungata. ‘Toccata e fuga’  assolutamente da evitare. 

venerdì 28 marzo 2014

SENTENZA: UNA NOTTE SOLTANTO

                                                                       MUSEO E VECCHIO CARCERE

In viaggio in Québec, tu ed i tuoi compagni di avventura (almeno altri 14…) passate da Trois-Rivières e decidete di visitare il Musée québécois de culture populaire? Ecco una soluzione ‘alberghiera’ davvero inusitata, un Bed&Breakfast che non dimenticherete facilmente…

questo ed altro nel sito http://www.culturepop.qc.ca/

 

     Sentence d'une nuit

(Activité réservée exclusivement à la clientèle de groupe)
Dans la Vieille prison de Trois-Rivières, expérimentez la vie carcérale dans ce lieu chargé d’histoire en passant la nuit dans une authentique cellule et comme un vrai prisonnier.
Votre sentence
Vous serez accueilli par le gardien de la prison. Il complètera votre fiche d’incarcération avec photo et empreintes digitales et vous remettra votre t-shirt de prisonnier. Il vous mènera, vous et votre groupe, à votre secteur. Par la suite, dans la promiscuité de votre «wing » où tant de prisonniers ont vécu, un guide vous expliquera la vie carcérale d’hier et d’aujourd’hui.  Vous passerez ensuite la nuit dans votre cellule en compagnie de vos co-détenus, sous la supervision du gardien. Le lendemain, vous devrez faire le ménage de votre «wing» avant d’avoir droit au petit-déjeuner du prisonnier. À votre libération, le gardien vous remettra votre fiche d’incarcération avec la mention LIBÉRÉ.
La Sentence d’une nuit est réservée aux groupes.  Vous devez impérativement constituer un groupe d’au moins 15 personnes avant de faire une réservation.

Caution non remboursable

60$/personne (taxes en sus)
(Petit-déjeuner du prisonnier, t-shirt, fiche d’incarcération inclus) Seul les groupes de 15 à 39 personnes peuvent faire une réservation. Tarifs spéciaux pour les groupes scolaires.  Prix sujets à changement sans préavis.
Pour information et réservation
Geneviève Bettez (819) 372-0406  gbettez@culturepop.qc.ca

                            

Sentenced to One Night

 
Experience life behind bars in the history-rich Old Prison of Trois-Rivières by spending the night in an authentic jail cell.

 Sentence

On your arrival you will be greeted by the warden. You will then be booked, fingerprinted, photographed and issued your prisoner’s T-shirt. The warden will guide you and your group to the incarceration wing. Here, between stone walls that once housed the condemned, a former inmate will recount the penal life of yesterday and today. You will then spend the night with your cellmates under the warden’s supervision, as so many hardened criminals have before you.On the following day, you will clean up the wing and proceed to breakfast; porridge and toast. A meal fit for a prisoner. Before leaving the prison, the warden will hand over your prisoner’sfile with a stamp marked RELEASED.
 Sentence to one night is exclusively offered to groups. You must be at least 15 people in a group to make a reservation.

Non-Refundable Bail $60/person (+ tx)

(Prisoner’s breakfast, T-shirt, prisoner’s file included) Group of 15 to 39 persons.
Special discount rates for school groups.
For information and reservations
(819) 372-0406        info@enprison.com


mercoledì 26 marzo 2014

LOUIS LORTIE



Del pianista franco-canadese LOUIS LORTIE (nato a Montréal il 27.04.1959) che si esibirà il 31 marzo al Conservatorio G. Verdi di Milano per le Serate Musicali basterebbe citare i commenti della stampa internazionale: il Financial Times ha scritto: "un Chopin migliore di questo non può essere sentito da nessun’altra parte". il Die Welt ha definito la sua esibizione "il miglior Beethoven dai tempi di Wilhelm Kempff", il BBC Music Magazine ha acclamato una sua esecuzione di Beethoven come una delle "cinquanta registrazioni di pianisti superlativi". Louis Lortie ha studiato a Montréal con Yvonne Hubert (allieva del grande pianista francese Alfred Cortot), a Vienna con Dieter Weber (grande specialista di Beethoven), successivamente con Leon Fleisher, discepolo di Schnabel e si è esibito in pubblico per la prima volta a 13 anni insieme alla Montreal Symphony.
Rinomato per la prospettiva originale e l’individualità che riesce a instillare ai canoni della tastiera, si è esibito con le maggiori orchestre filarmoniche del mondo con opere di Chopin, Brahms, Schumann, Beethoven, Mozart, Stravinsi, Listz, Ravel.
 
Serata da non perdere. Il programma:
G. Fauré -  Preludes op 103
Debussy -  4 Preludes: Voiles, Des pas sur la neige, la cathédrale engloutie, Minstrels
Wagner/Rubenstein- Idillio di Sigfrido
Wagner/Liszt Ouverture dal Tannhauser

                                            

lunedì 24 marzo 2014

VANCOUVER ISLAND



Sull’Isola di Vancouver la primavera significa tempo di risveglio … da letargo!

E gli amici dell’ufficio del turismo del British Columbia mi segnalano alcune ottime soluzioni per trascorrere una splendida vacanza all’insegna dell’avvistamento degli orsi.
Un'organizzazione che la sa lunga su quali siano i sentieri più battuti sull’isola, la Tide Rip Tours grizzlytours.com  propone escursioni giornaliere in battello che partendo da Telegraph Cove, sulla costa settentrionale, porta i più avventurosi verso Knight Inlet per osservare esemplari di orsi neri e grizzly mentre vagano alla ricerca di cibo fresco. E sicuramente in giro non ci saranno solo gli orsi!
Se invece preferisci fermarti più a lungo per meglio assaporare l’emozionante natura, il Knight Inlet Lodge (finalmente riaperto! http://turismoincanada.blogspot.it/2008/07/cartolina-dal-british-columbia.html) nella Glendale Cove propone pacchetti di più giorni all-inclusive raggiungendo in idrovolante  un  albergo che galleggia a pochi metri da un bosco fantastico, nel vero senso della parola,  http://knightinletlodge.ca/.
E poi c’è la Great Bear  Nature Tours www.greatbeartours.com che ti porta da Port Hardy, sulla punta estrema settentrionale dell’Isola di Vancouver, ad una quindicina di miglia lungo la costa in un lodge galleggiante raggiungibile esclusivamente con l’idrovolante. Da qui partono le escursioni con piccole barche per costeggiare la foresta pluviale, la Great Bear Rainforest, per osservare gli orsi che si nutrono sulle rive.

ATTENZIONE: con gli orsi non si scherza! Segui sempre le istruzioni delle guide, non inoltrarti mai da solo nel bosco; la massima prudenza è fondamentale ad una buona riuscita della tua vacanza!
Osserva, guardati attorno, sulla terraferma e sull’oceano e nell’aria, e non mancherai di ‘incontrare’ orche, balene, foche, leoni marini, lupi, cervi, alci, aquile,… questo ti offre Vancouver Island!




giovedì 20 marzo 2014

TRASLOCARE AL NORD




Quando una coppia di francesi decide di traslocare nello Yukon, dopo aver passato un certo periodo di tempo in Québec, oppure una giovane cittadina della Nova Scotia prende la stessa decisione, cosa c'è di più bello che scrivere un  blog e condividere con amici, parenti e curiosi le proprie esperienze di vita descrivendo le diversità e, se ci sono, anche le similitudini?

Curioso di sapere com'è per qualcuno VIVERE  nello YUKON, piuttosto che conoscere soltanto un'esperienza da turista?       CLICCA: 

http://www.thedailymuise.com/

http://www.yukonlifestyle.com/



martedì 18 marzo 2014

GRATTACIELI DELLE PRATERIE

Una silhouette inconfondibile del paesaggio del Saskatchewan erano un tempo, ed in qualche misura lo sono anche oggi, i silos per il grano, ricchezza incommensurabile, coltivato sulle vastissime distese di pianura delle province centrali del Canada. Denominati grain elevators (il frumento veniva scaricato dai camion, pesato e convogliato verso la sommità del silos, per poter poi riempire dall’alto i vagoni dei treni) queste immense costruzioni si innalzavano ogni 12/15 chilometri (la distanza media fra un abitato e l’altro) ad interrompere l’orizzonte allungato a perdita d’occhio, lungo i binari della Canadian Pacific Railway che nel 1885 giunse ad unire  le due sponde del paese.











Ma i tempi cambiano: mentre vanno in disuso le tratte ferroviarie di trasporto, anche questi grattacieli delle praterie vengono abbandonati. Negli anni 30 del secolo scorso si contavano almeno 3.300 grain elevators in Saskatchewan. 

Nel 2006 ne sono stati censiti 540. Molte comunità si sono battute per conservare e mantenere in vita il proprio grain elevator almeno come simbolo della laboriosità dei primi colonizzatori della pianura centrale canadese. Molti sono stati trasformati in centri interpretativi e musei storici provinciali.