sabato 28 maggio 2016

ACERO CANADESE IDRATANTE!


Quando mi è caduto l'occhio sulla foglia d'acero, non ci volevo credere!

Ecco che le virtù dell'acero entrano a buon diritto anche nella cosmesi: una crema che idrata e protegge. Non voglio fare pubblicità... ma... io corro subito a provarla!

          

Descrizione della casa produttrice:

BodyrepairFluida Nutriente Anti-Secchezza

Nutre la pelle e allevia istantaneamente la sensazione della pelle che tira.
È stata formulata per eliminare le rugosità e proteggere dalla secchezza cutanea causata dal freddo e dalle aggressioni esterne. 
La sua formula canadese contiene la micro-linfa d’acero, conosciuta per le sue proprietà riparatrici. La sua texture soffice e confortevole è facile da applicare, penetra e si assorbe immediatamente senza appiccicare.

giovedì 26 maggio 2016

ÎLES DE LA MADELEINE, Québec

Tout ce que vous devez savoir pour préparer votre voyage aux Îles de la Madeleine
MICHEL BONATO/TOURISME ÎLES DE LA MADELEINE

Cet archipel situé au coeur du golfe du Saint-Laurent pique la curiosité. 
Vous souhaitez visiter la région, mais vous vous demandez comment y accéder, où dormir, quels attraits visiter et quelles activités vous seront offertes?


Le Isole della Maddalena, localmente indicate in inglese Magdalen Islands e in francese Îles de la Madeleine, formano un piccolo arcipelago canadese sito nella parte centrale del golfo di San Lorenzo dalla superficie pari a 205,53 km².
 

martedì 24 maggio 2016

Les calèches de Montréal





Se avevi idea di fare un giro romantico di Montréal a bordo del tipico calesse  tirato da un mansueto destriero, beh, dovrai rimandare il tuo viaggio al prossimo anno!
A  parte la battuta, entra in vigore proprio oggi una ordinanza del sindaco di Montréal, M. Denis Coderre,  che bandisce (per un anno a titolo sperimentale) la circolazione dalle strade della città vecchia dei graziosi mezzi di trasporto, ideali per un turismo soft. Il sindaco ha deciso di ricominciare da zero: fermi per un anno, i cavalli torneranno ad accompagnare i turisti in giro per la città ma solo dopo che un adeguato e più severo regolamento verrà approntato per raggiungere tra l’altro degli  standard professionali più elevati.
La preoccupazione dei sindaco è soprattutto volta al  benessere dei cavalli. Recenti incidenti stradali hanno attirato l’attenzione di coloro che sono sensibili a come vivono gli animali affidati all’uomo: lunghe ore di lavoro, traffico e calura estiva sull’asfalto cittadino. Risale al 1989  la nascita del gruppo Action Anti-Calèche.
Sono ovviamente in subbuglio i proprietari di calessi e cavalli. Protesteranno davanti al municipio, da oggi saranno disoccupati ma dovranno continuare a mantenere quegli animali, a cui sono tanto legati, ma che sono soprattutto la loro fonte di guadagno.

Nelle nostre fotografie della bella città di Montréal non vedremo più i tipici calèches.
Compreremo delle belle cartoline. 

venerdì 20 maggio 2016

OZIAS LEDUC 1854-1955


Visitando la National Gallery of Canada - Musée des beaux-arts du Canada di Ottawa, nella CANADIAN COLLECTION troverai un quadro che susciterà la tua curiosità: 
Il pittore Ozias Leduc trascorse l'infanzia e gran parte della sua vita adulta nelle campagne attorno a St. Hilaire in Québec. La sua carriera pittorica lo porterà soprattutto a decorare le chiese. Profondamente religioso, la spiritualità è presente ovunque nei suoi dipinti, siano essi paesaggi, nature morte, ritratti o intime scene di vita quotidiana. 
In "Ragazzo col pane" la luce illumina chiaramente la scodella, il pane e la manica sdrucita del ragazzino, il tutto tratteggiato nei minimi particolari. Il volto e l'armonica  che ci si aspetta siano il fulcro del dipinto, sono invece nell'ombra. Inconsciamente, vorremmo poter fissare il ragazzo e la scodella con uno stesso sguardo. Questo conferisce all'immagine una misteriosa tensione. Una musica silenziosa vibra nell'aria. Leduc loda qui l'importanza spirituale delle cose ordinarie, ciò che vede riaffermato nella vita di tutti i giorni della gente attorno a lui.


OZIAS LEDUC, peintre (St-Hilaire, Qc, 8 oct. 1864 -- St-Hyacinthe, Qc, 16 juin 1955)...Vers 1883, il se joint à une entreprise de sculpture de statues de Montréal et devient l'assistant de Adolphe Rho et Luigi Cappello, qui l'initient à la peinture murale...Pendant sa carrière, il décore plus de 30 églises et chapelles au Québec, en Nouvelle-Écosse et dans l'Est des États-Unis...
Ses oeuvres religieuses sont étroitement liées à ses natures mortes et à ses paysages inspirés par la région de St-Hilaire. Ses tableaux représentant la vie quotidienne et la nature ont une dimension à la fois symbolique et spirituelle, traduite par des lignes fluides mais concises et méticuleuses, des couleurs chaudes, sobres et une lumière douce...En tant que portraitiste et peintre de figures allégoriques et historiques, Leduc insuffle un grand pouvoir d'évocation à ses oeuvres de petits formats...

Risultati immagini per ozias leduc, OEUVRES
Risultati immagini per ozias leduc, LA LISEUSEol web

mercoledì 18 maggio 2016

IL FUOCO NON SI FERMA

Evoluzione dell'incendio a partire dal 2 maggio, data in cui è stato segnalato il primo focolaio:







Giorno per giorno, l'indice di probabilità d'incendi in tutto il Canada: si noti in particolare l'alta pericolosità segnalata in rosso nel sud dell'Alberta, del Saskatchewan e del Manitoba. Anche le foreste del British Columbia stanno affrontando l'emergenza degli incendi boschivi.


Il Primo Ministro Justin Trudeau in visita a Fort McMurray
Prime Minister Justin Trudeau is given a briefing at the Regional Emergency Operation Centre during a visit to Fort McMurray, Alta., on May 13, 2016.

http://www.theglobeandmail.com/news/alberta/the-fort-mcmurray-disaster-read-the-latest-friday/article29930041/

Smoke from Fort McMurray-area wildfires hangs over the still-frozen Lac La Loche across the provincial border in La Loche, Sask., on May 7, 2016.

Il fumo del devastante incendio di Fort McMurray incombe sul Lago La Loche ancora ghiacciato, appena oltre il confine provinciale tra l'Alberta ed il Saskatchewan.

lunedì 16 maggio 2016

I CALL MY GRANDMOTHER NONNA

Bruna Di Giuseppe-Bertoni is one of the most multi-faceted and fun-loving writers in Toronto today. She is a very active member of the Italian-Canadian writing and arts community, spreading her infectious humour and positivity wherever she goes and in all of her work. She has won international awards for her poetry, and writes passionately about life, love and family in both Italian and English. Most recently, she has written her first children’s book entitled, I Call My Grandmother Nonna. It is a wonderful series of stories about a young girl and her relationship with her nonna. The book will have two launches in Toronto. Please try and attend them to meet the energetic author in-person. The first launch will be held at The Chapters in Woodbridge on June 11, 2016 from 2:00PM to 4:00PM. The second launch will be held at the Rainbow Caterpillar Multilingual Bookstore on June 25, 2016 from 1:30PM to 2:30PM.
Where does writing come from for you?
I started writing because of my father’s examples, as a little girl I always saw him writing something or reading. He would copy poems and stories and practice how they were written and he would read to us out loud. He was a storyteller, we had no television and he later purchased a radio when I was 12. Before that he would tell stories and read from books. He taught himself how to read and write during the Second World War in Libya. He encouraged his children to write stories and he would say a word and we had to find a word that rhymed. My brother was quicker than me. Always!
Tell us about the journey of writing your first book of poetry, Sentieri D’Italia.
It wasn’t until six years after my father died and 17 years after my brother’s drowning accident that I returned to Italy and was able to start writing down notes of feelings and the loss of all things I left behind when I came to Canada. In some short poems and notes I was able to release the deep sadness and sorrows I had for years. Sentieri D’Italia was published in 2001.
What was it like to win a poetry award in Italy? 
A great feeling of achievement and a self-recognition that I could call myself a writer and a poet.
What is your first children’s book about?
It’s about how Franca and her nonna spend time together – a collection of stories about Franca and her nonna’s adventures; going out visiting a friend, cooking lunch, finding out where her nonna comes from and helping her in the garden. The book is written in English with some conversation in Italian.
Was it difficult to write for children?
It was difficult when I had to choose what age the book would be appropriate for.
You have been a very active member of the Association of Italian Canadian Writers, why do you think this organization is important for Canadian literature?
The organization has contributed so much to Canadian literature through books written by Italian Canadian writers where they share their life, experiences, traditions, culture and history of Italian emigration to Canada. Members of the association are also instrumental in writing interesting projects like In Justice Served, the story of B.C. Italians considered enemy aliens during World War II.
You immigrated to Canada in 1964. How does your Italian heritage influence your art and your writing? 
Back then, everyone who came before or after 1964 was going to be influenced regardless. When we came, we lived with our relatives who only spoke Italian, we went shopping at Darrigo’s and didn’t have much to do. We spoke Italian at home and English was not allowed. Everything I do is influenced by my culture – to answer your question I am influenced more in my writing than in my art. Art for me is whatever I see as beauty I paint and in Ontario the scenery is endless… so I like to paint many Northern Ontario scenes.
You also work with many elderly Italian Canadians. Does this work help with your art and writing in any way? 
Mostly my writing. I have written a few things about the elderly and I hope to be able to do more.
You have an amazing love of life and wonderful sense of humour. Have you ever thought of writing comedy or humorous fiction?  
I enjoy my life and I have to thank my father for this. He was the funniest man – funny but in Italian. I will carry on in Italian and be funny – in English I can’t even laugh at some jokes because I don’t get them. If I happen to be together with a funny Italian person we can joke for hours. I miss my father for that. He had a funny answer for everything.
What advice do you have for young writers who are trying to write about their background and heritage? 
I’d say – tell stories of your grandparents and their ways and traditions that they have passed down to you. Write about food and even traditions that are no longer practiced but remembered.
What are you thinking of writing next?
I want to write about my father and a card game he and his friends played when we lived in Rome – they played a game with cards called la passatella. You might know about this but I lived it. Among the men it was a very serious game.

http://www.villasantostefano.com/news/2004/bruna_di_giuseppe/
http://www.accenti.ca/news-archives-issue-4/community-the-valigia-d-oro-award-recognizing-our-pioneers

sabato 14 maggio 2016

AIR TRANSAT: comfort e vantaggi per i clienti






COMUNICATO STAMPA:
Servizi rinnovati per Air Transat, comfort e vantaggi per i clienti

11 maggio 2016  Air Transat, compagnia aerea canadese vincitrice del premio Skytrax 2015 come miglior vettore nord americano per i viaggi vacanze, rinnova l’offerta dei suoi servizi, offrendo molteplici privilegi e vantaggi ai viaggiatori di entrambe le sue classi di viaggio, Economica e Club.

Per i clienti di classe Economica, la compagnia offre il servizio di Seat Selection per la selezione anticipata del posto: a partire da  € 25 a persona a tratta, è possibile scegliere in anticipo il proprio posto a sedere, risparmiando tempo in aeroporto e con la sicurezza di stare seduti accanto al proprio compagno di viaggio.

Il ventaglio dei privilegi si amplia ancora di più con Option Plus, il servizio che consente di avere privilegi aggiuntivi sia in aeroporto che a bordo, a partire da € 60 a persona a tratta: Seat Selection gratuita,check-in prioritario ad un banco dedicato, franchigia bagaglio supplementare di 10 kg a tratta, per un totale di 40 kg, imbarco prioritariocomfort kit sui voli notturni e ritiro bagagli prioritario.






I clienti di Classe Club, hanno a disposizione un’ampia ed esclusiva cabina con sedili in pelle più larghi, touch screen individuali, servizio dedicato e scelta di pasti gourmet serviti su porcellane e vini selezionati, per un comfort ottimale a bordo dell’aereo. Prima della partenza, possono usufruire di tutti i vantaggi di Option Plus gratuitamente: Seat Selection gratuita, banco check-in dedicato, imbarco e ritiro bagagli prioritario.




Per quanto riguarda il bagaglio, la compagnia consente una generosa franchigia per entrambe le classi: 30 kg (1 solo pezzo) per il bagaglio da stiva e 10 kg per il bagaglio a mano per la classe Economica, 40 kg (2 pezzi da 20 kg ciascuno) per la stiva e 15 kg a mano per la classe Club.



A proposito di Air Transat
Air Transat è la principale compagnia aerea canadese di  viaggi vacanze. La compagnia collega l'Italia al Canada con voli no-stop da Roma, Venezia e Lamezia verso Toronto  e Montréal e dall'estate 2016 offre voli diretti da Roma a Vancouver. Air Transat è stata eletta miglior compagnia aerea nord americana per i viaggi vacanze al  premio Skytrax 2015 e ha rinnovato la sua flotta di Airbus, offrendo intrattenimento personalizzato a bordo, con schermi individuali e tramite la nuova app CinePlus. Air Transat è una business unit della Transat A.T. Inc., un tour operator integrato internazionale con più di 60 paesi di destinazione e che distribuisce prodotti in oltre 50 paesi. La compagnia è rappresentata in Italia da Rephouse GSA con un ufficio booking dedicato.

mercoledì 11 maggio 2016

RILEGGIAMO: COLLEZIONARE RICORDI...



Colleziono di tutto (o forse è meglio dire che non butto mai via niente).
Ovviamente ogni pezzo di ogni collezione deve avere un potere evocativo: un luogo, una persona, una circostanza o un evento particolari.
Ed ecco le schede telefoniche canadesi che ho raccolto negli ultimi anni e che uso come segnalibro. Oggi fatico a ricordare date e luoghi d'acquisto o d'utilizzo, ma sono bellissime, si vede Toronto, Victoria, Ottawa, Montréal, Niagara Falls, luoghi cari ai nativi, flora e fauna e tante Giubbe Rosse.


NOTA DEGLI AUTORI:
Siamo orgogliosi del successo di questo nostro Blog nato il 19 febbraio 2007.
Poiché non ci occupiamo esclusivamente di stretta attualità ma affrontiamo da quasi 8 anni soprattutto argomenti di storia e memoria, geografia, natura, e altre curiosità che servano a farvi conoscere meglio questo straordinario paese, ci rendiamo conto che i nostri nuovi lettori non hanno quindi il tempo materiale per rileggersi tutti i nostri interventi!
Il fatto poi che il nostro lavoro sia rimasto ‘spezzato’ in due per un misteriosi incidente tecnico nel dicembre 2007, ci vede sì superare i 500mila contatti per questo sito www.turismoincanada.blogspot.com ma con meno contatti correnti per quello pre-10dic07 (www.turismoincanada3.blogspot.com) che contiene molti articoli davvero di piacevole lettura.
Pensiamo quindi di fare cosa gradita a molti amici del Canada, nuovi e vecchi, scegliendo di proporvi di tanto in tanto il testo integrale o il link ad un post degli anni scorsi tra quelli da noi ritenuti più interessanti o che ci dispiace particolarmente che qualcuno non abbia potuto o fatto in tempo a leggere.
Speriamo che anche i lettori più affezionati ri-leggeranno con piacere quanto da noi ri-proposto.

domenica 8 maggio 2016

FORT McMURRAY BRUCIA



FORT McMURRAY  si trova nel nord-est della provincia dell’Alberta, in mezzo ai giacimenti di sabbie bituminose, completamente circondata dalla foresta boreale.  Post precedenti:
http://turismoincanada.blogspot.it/2013/03/estrazione-di-petrolio-dalle-sabbie.html

Oggi invece che disquisire sui pro ed i contro degli enormi quantitativi di petrolio che vengono ricavati nella zona e dei futuri danni ecologici, si deve fare la cronaca di un fenomeno naturale che sta danneggiando l’uomo e la natura, in questo stesso momento. 
L’incendio che si è palesato qualche giorno fa sta devastando la foresta arrivando fin dentro la città di Fort McMurray, distruggendo molto quartieri e minacciando l’intero abitato. Tutta la città (oltre 80,000 persone),  è stata evacuata; le foto mostrano la drammaticità dell’incendio che neppure 500 pompieri con enormi mezzi di terra e d’aria riescono ad arginare. Tutto dipende dalla direzione del vento. Dalla sua forza. L’area colpita dalle fiamme è ora di oltre 2.000 chilometri quadrati, e non si sa ancora per certo in quale direzione il vento sospingerà il fronte del fuoco. L’unica e più rapida soluzione potrebbe essere  rappresentata dal previsto fronte d’aria fredda e conseguenti piogge e nevicate. Comunque una immane catastrofe, un fuoco che potrebbe continuare a bruciare per mesi; per ritornare alla ‘normalità’ i tempi saranno lunghissimi, per gli uomini la flora la fauna l’ambiente. Le forze dell’ordine ed i volontari in azione sono scoraggiati.




giovedì 5 maggio 2016

ELEPHANT ROCK

100 e più anni fa                        PRIMA del  14 marzo 2016

Immagine correlata
DOPO il 14 marzo 2016
Bay of Fundy map showing the eastern seaboard, New York, Boston, Portland, Bar Harbor, Montréal, Toronto, New Brunswick and Nova Scotia

Il profilo di uno dei luoghi simbolo del Canada è cambiato per sempre.
Tra le formazioni rocciose più famose di The Hopewell Rocks Provincial Park  del New Brunswick nella Baia di Fundy (tra New Brunswick e Nova Scotia)  è rovinosamente collassata sul fondo del mare Elephant Rock (la cui ‘proboscide’ era scomparsa nel 1997 per un fenomeno di erosione).  
Per milioni di anni la Elephant Rock è rimasta imperturbabile mentre le più alte maree del mondo - fino a 16 metri - la consumavano alla base creando quella tipica forma a ‘vaso di fiori’  delle rocce che con l’alta marea sembrano isolotti lussureggianti mentre alla bassa marea appaiono pareti rocciose nude e sottili fino a mostrare il fondo del mare.
Questa è una stagione più  propizia per tali fenomeni ed è quindi più pericoloso frequentare i fondali marini durante la bassa marea. L’escursione termica tra il giorno e la notte e le varie fasi di marea crescente e calante può dimostrarsi determinante per l'ampliamento di fessure più o meno grandi che a lungo andare porteranno al distacco di massi di un certo volume. L’ultimo episodio di notevole importanza è avvenuto nel 2002 con il collasso di Castle Rock che insieme a Elephant Rock fa parte delle 17 formazioni rocciose  ufficialmente ‘battezzate’ del Parco.
Di Elephant Rock rimarranno le vecchie fotografie dei turisti nonchè, per tutti i residenti del New Brunswick, la sua immagine sulla loro tessera sanitaria, così come immortalata nell’ottobre del 2013.

HOPEWELL ROCKS PROVINCIAL PARK in TURISMO IN CANADA:
Risultati immagini per hopewell rocks high and low tide

lunedì 2 maggio 2016

L'ARTE DI RICICLARE...

E’  qui, su uno sperone di roccia con una magnifica vista sul Kootenay Lake, nel British Columbia, che Mr. Brown  aveva deciso di costruirsi il buen ritiro che aveva sempre sognato.


Correva l’anno 1952 quando David H. Brown, andando in pensione dopo 35 anni d’attività da  impresario di pompe funebri, iniziò a costruire il suo agognato ‘castello’ utilizzando ben 500.000 bottiglie da imbalsamatore, raccolte negli anni nel proprio laboratorio e con il contributo di molti colleghi, per un peso complessivo di circa 250 tonnellate di vetro.
Utilizzò le bottiglie rettangolari come mattoni, con il fondo rivolto verso l’esterno della costruzione, fissando  delle strisce di legno ai colli delle bottiglie col fil di ferro; questa ragnatela fu poi consolidata col  cemento a cui vennero fissate delle pareti di legno. Non manca nulla: un ampio salone con caminetto, camera da letto padronale, la cucina con vista sul terrazzo; considerando la stanza degli ospiti al piano superiore (non visitabile) l’abitazione si estende per oltre 110 mq. Altre strutture costruite con lo stesso tipo di “mattone” sono scale e sentieri, un arco, ponti e passerelle, muricciuoli, un pozzo (dei desideri!), torri, etc.
Molti dettagli, sia delle fasi di costruzione che dell’attuale aspetto interno ed esterno, sono visibili in un video davvero curioso ed interessante: 

Non sarà il caso di andare in Canada apposta per visitare questa strana abitazione ma se ti capitasse di passare lungo la British Columbia Highway 3 A - oggi parte del panoramico International Selkirk Loop - potrebbe incuriosirti fare una sosta sulle rive del lago Kootenay tra Sanca e Boswell (vedi mappa a lato) e visitare la GLASS HOUSE dei Signori Brown,  aperta ai visitatori da maggio a ottobre.





sabato 30 aprile 2016

RIDING MOUNTAIN NATIONAL PARK

Il RIDING MOUNTAIN NATIONAL PARK è un’isola di natura incontaminata, che sorge in mezzo al mare di praterie coltivate del MANITOBA
E’ famoso per la varietà degli habitat che lo compongono: dal nord scendono le foreste boreali, in cui predomina l’abete bianco; verso sud si stendono i bassopiani del Manitoba, minipianure di festuca selvatica, ultime vestigia delle praterie che conoscevano gli indiani; a est boschi di piante di alto fusto delimitano i confini del parco; il resto dell’interno è ricoperto dai pioppi tremuli.
L’estate a Riding Mountain è breve, giornate lunghe e luce di settentrione che arriva dal cielo bassa e obliqua. Quando si ha sole basso alle spalle, i laghi assumono un bel colore azzurro argentata. Le cannucce e le tife fitte sulle rive dei laghi, che nel colmo dell’estate hanno una tinta smeraldo, a fine settembre sono già di un marrone che sbiadisce nel giallo. I tronchi bianchi dei pioppi tremuli si stagliano sottili contro la massa scura degli abeti.
Come il resto della regione del Manitoba, anche il parco è in buona parte occupato dalle acque. Entro i suoi confini si contano 667 fiumi e ruscelli e 1.942 tra laghi e stagni
Chi pratica la pesca sportiva può lanciare la lenza in cerca di trote, lucci e coregoni. E anche i pescatori più giovani, muniti solo di un retino o di un barattolo, possono sperare di catturare le numerose varietà locali di sgombri, perche dorate e cavedani. Per i fotografi e gli amanti della natura, nel parco vivono alci, wapiti, orsi, castori, bisonti, linci, cervi e lupi.
Per gli esseri viventi del Riding Mountain National Park le estati sono periodi intensi di fecondità, quasi esplosivi, visto che qui la stagione estiva è una anomalia e l’inverno la regola. La bella stagione ha una durata media di 72 giorni. 
Clear Lake, la più vasta distesa d’acqua del parco, è libero dai ghiacci per un periodo annuo che va tra i 185 e i 200 giorni. La vita del lago conosce due momenti culminanti nel corso dell’anno. Il primo, che a volte si verifica in maggio, è il disgelo, la liberazione dai ghiacci. Il secondo può essere sicuramente collocato il primo martedì di settembre; il giorno successivo al Labour Day, e significa la liberazione dall’uomo. In un qualsiasi Labour Day ci sono dalle 25 mila alle 30 mila persone a Wasagaming, la cittadina compresa nei confini del parco, sulla sponda del Clear Lake. Il mattino seguente il posto è deserto.
Per uno degli strani misteri della vita, i turisti abbandonano il parco proprio quando comincia la stagione migliore. Le parti interne di Riding Mountain sono poco esplorate d’estate, persino in luglio e in agosto, quando i laghi sono pieni di barche e le spiagge di bagnanti. 
E in autunno il visitatore ha tutto il parco a sua disposizione.


La provincia del Manitoba ha spazio per ogni genere di passione. Non solo è la terra degli orsi bianchi, dei beluga, delle aurore boreali, etc.; dentro e fuori dai suoi parchi c'è di che soddisfare i gusti e le curiosità di ognuno di noi.

http://turismoincanada.blogspot.it/2009/10/lorso-polare.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2011/10/its-manitoba-time.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2015/02/the-mennonite-heritage-village-of.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2012/03/alla-ricerca-di-pace-e-liberta-gli.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2015/07/un-gabbiano-speciale.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2015/11/centro-longitudinale-del-canada.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2008/04/i-serpenti-di-narcisse-manitoba.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2008/06/yoga-e-canoa-in-manitoba.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2012/03/churchill-manitoba-il-regno-degli-orsi.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2013/11/gli-orsi-polari-di-churchill.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2014/06/komarnomanitoba.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2014/10/straordinari-ritrovamenti-the-forks.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2015/02/orsi-polari-belughe-volpigufi-e-lepri.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2009/10/delizie-culinarie-del-manitoba.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2009/07/nunalla.html
http://turismoincanada.blogspot.it/2008/04/il-riso-nero-selvatico-del-canada.html

http://www.travelmanitoba.com/listings/riding-mountain-national-park-of-canada/6721/