mercoledì 4 marzo 2015

NAME THE PUPPY 2015 - NOMME LE CHIOT 2015




Saranno parecchie migliaia i ragazzi e ragazze (per regolamento non ancora sedicenni) che entro ieri avranno trasmesso la loro proposta di nome per un cucciolo di pastore tedesco, la cui carriera già segnata lo porterà a diventare, dopo un intenso ed accurato addestramento presso il Police Dog Service Training Centre di Innisfail in Alberta, una Giubba Rossa - o meglio! - un cane poliziotto ‘compagno’ di una Giubba Rossa, il poliziotto canadese che ai nostri giorni non indossa più quotidianamente l’inconfondibile fiammante uniforme (riservata alle grandi occasioni!) ma che in servizio veste di blu scuro-carta da zucchero.
Per ora sono 10 i cuccioli nati nel canile della RCMP in cerca di nome. Le regole da seguire nel proporre un  nome sono semplici:
Ogni partecipante può suggerire un solo nome; il nome può essere per un maschietto o una femminuccia; il nome deve iniziare con la lettera “H” (ogni anno la lettera iniziale è diversa); deve essere al massimo di 2 sillabe; non deve superare le 9 lettere. Tutti i nomi proposti e vagliati dallo staff del Centro Addestramento saranno tenuti in considerazione per altre cucciolate dell’anno.

I dieci ragazzi i cui nomi proposti saranno stati prescelti e attribuiti ai simpatici poliziotti in erba riceveranno una foto-ricordo laminata del cucciolo, nonché un pastore tedesco di peluche che si chiama Justice ed un berretto della Royal Canadian Mounted Police.

 

Name the Puppy 2015 - Nomme le chiot 2015

http://www.rcmp-grc.gc.ca/depot/pdstc-cdcp/index-eng.htm

martedì 3 marzo 2015

ALTITUDE ATTITUDE - OUR HILLS ARE BETTER THAN YOUR HILLS


articleimage



It's a point that Tourism Alberta is making to American skiers who may be mistaken about the size of their slopes. What matters is the “relief size” of a mountain and its “wow factor,” not altitude, the province's official MARKETING agency explains.
“While the peaks in Colorado, for example, top out at 14,000 feet (about 4,270 metres) and ours at 11,000 feet (3,350 metres), we have more visible vertical since our valleys were carved deeper,”Tourism Alberta says in a press release.

That makes the Canadian vertical more impressive, unless you were planning to ski all the way to sea level in Colorado.

In seeking to lure Americans to Banff-Lake Louise and Banff National Park, the agency is also highlighting the plentiful snow, advantages of being in a national park and its No. 1 selling point: the recent decline in the Canadian DOLLAR

La solita guerra tra Stati Uniti e Canada per la supremazia nel mondo del turismo invernale.
Forse, prestando più attenzione ai mercati secondari, si potrebbero raggiungere altri risultati. Il prodotto può essere insufficiente se non se ne conosce la bontà.

lunedì 2 marzo 2015

BANFF MOUNTAIN FILM FESTIVAL


Il Banff Mountain Film Festival ha iniziato il tour 2015 che lo porterà in 18 città italiane. La serata di Milano al cinema Orfeo del 25 febbraio 2015  è stata davvero memorabile soprattutto per la massiccia presenza di pubblico. Infatti, almeno un migliaio di appassionati della montagna ma anche semplici curiosi hanno assistito  a due ore di cinema fantastico.
La serie di filmati ha stupito per l'arditezza degli operatori nel riprendere attività estreme che sono sembrate quasi naturali e ha lasciato, almeno me, a bocca aperta.
La presenza di Filippo Fabbi  come testimonial, rivisto poi sullo schermo nel suo sport preferito ovvero lo speedriding in Alaska ha suscitato meraviglia. Come pure gli ice -climber dei deserti USA, i voli icarici con parapendio, il film premiato con il Grand Prize sulle arrampicate moderne nella Yosemite valley. Che dire poi dei surfisti dell'Artico che sfidano il freddo per un'avventura alla fine del mondo, delle scalate alle torri di roccia dei deserti del Sud Ovest americano, delle discese pazzesche in kayak lungo un canale di irrigazione.
Mi auguro che i miei amici canadesi dell'Alberta, e non solo, si rendano conto della popolarità del festival che potrebbe essere meglio sfruttata a livello culturale sia per mostrare  il continuo interesse per il cinema da parte dei canadesi sia per esporre le possibilità per gli sportivi estremi ma anche per canalizzare un interesse generale.
Purtroppo il 25 febbraio 2015 il Canada era assente.

Il campione di bike trial Danny MacAskill è tornato. Il film a lui dedicato è stato girato sull'isola di Skye in Scozia.
 Questa immagine eclissa le altre perchè dedicata a mia nipote Violet Skye che un giorno  porterò, se non lassù in cima, almeno in riva al mare. 

giovedì 26 febbraio 2015

NORTHWEsT ONTARiO'S SuNSET CoUNTRY

At 100.000 square kilometers (or 60,000 square miles), Ontario's Sunset Country is larger than many countries. Our travel region occupies all of northwestern Ontario from Thunder Bay west to the Manitoba border. In this area are 100,000 lakes, rivers and streams and about 70,000 of those are fishable. The region is covered by vast tracts of Northern Boreal Forest which is populated with a wide variety of birds and wildlife. Nature is the primary attraction in the region as it is everywhere.

In Ontario's Sunset Country, you will discover a great choice of accommodations located in a wilderness location.
For the fishing party or the family on a summer vacation, the region has a wide variety of lodges and resorts to choose from.
 
Source and more information: http://www.ontariossunsetcountry.ca





Inutile ripetere che l'immaginario relativo al Canada è spesso legato a foreste di conifere sconfinate, laghi immensi, pace bucolica spezzata soltanto dalla presenza di animali che scorrazzano liberi. In realtà, molti turisti si impegolano nelle visite alle grandi città canadesi che,pur offrendo un modo di vivere a misura d'uomo, rappresentano solo in parte il Canada sognato.
E' necessario allora uscire dai perimetri urbani e andare, vagare alla ricerca di paesaggi diversi. A volte con una macchina fotografica per catturare i tramonti, a volte soltanto con una lenza.
E' sufficiente provarci una volta, dopo aver rotto il vetro della chiusura quotidiana.








mercoledì 25 febbraio 2015

GEORGE HERIOT 1759-1839

Noto per aver descritto con dettagliata precisione persone e luoghi del primo Novecento canadese  nei suoi libri di storia, pur ricchi di illustrazioni (vedi post di ieri), GEORGE HERIOT dev'essere senz'altro ricordato come artista di pregio che decise di raccontare la storia anche per immagini, con i suoi acquerelli e disegni che rappresentano non solo il panorama, la natura aspra e selvaggia, ma gli usi e costumi in auge nella colonia nord-americana, dove Heriot era giunto nel 1799.


Ecco alcune sue opere conservate nel 


                                    Canadiens des provinces d’en haut près de Montréal, 1815


                                        Vue de Québec depuis le pont près de la Pointe De Lévy, 1798


Vue de la chute Montmorency, 1816


                              Montréal depuis l’Île Saint-Hélène, v. 1801

 
 Montréal, 1810


                                        Près de Québec, rivière Jacques-Cartier, vers 1810

martedì 24 febbraio 2015

TRAVEL THROUGH THE CANADAS, 1807

Una prima edizione di 
George Heriot.               Travels Through The Canadas, Containing A Description Of The Picturesque Scenery On Some Of The Rivers And Lakes; With An Account Of The Productions, Commerce, And Inhabitants Of Those Provinces. 
London: Richard Phillips, 1807.


E’ a questo prezioso volume di 602 pagine, completo di 27 incisioni all’acquatinta ed una grande mappa pieghevole del Canada conosciuto a quel tempo, che dobbiamo molte delle conoscenze odierne sui modi di vita dei primi coloni canadesi in rapporto all’ambiente naturale ed alle popolazioni indigene ancora presenti nei territori colonizzati.

Lo scozzese GEORGE HERIOT (1759-1839) fu direttore generale del Servizio Postale Britannico per il Nord America inglese (Upper Canada) dal 1799 al 1816.
Heriot si dedicò a numerosi viaggi sia nel Canada occidentale che negli Stati Uniti. E’ impossibile dire dove egli effettivamente viaggiò, poiché la sua narrazione personale spesso si mescola con altri resoconti. Comunque tutto è di grande interesse e il suo libro è ricco di dettagli e pieno di informazioni sul commercio delle pellicce, sui viaggi verso l’estremo nord, sugli Indiani del nord e dell’ovest, sugli Inuit e sulla pesca del merluzzo.
Una autorità ha definito questo libro “la più completa descrizione dell’America britannica che sia mai stato pubblicato”.
Heriot fu un artista completo e disegnò Indiani e paesaggi di tutto l’Ovest americano. Sono sue tutte le numerose belle illustrazioni di questo volume. La sua opera è il più antico volume con incisioni all’acqua tinta pubblicato in Canada. 
Heriot ebbe accesso ai documenti e ai volumi della raffinata Biblioteca dei Gesuiti di Québec, di cui egli si era già servito per pubblicare nel 1804 una Storia del Canada (The history of Canada,  from its first discovery, ampiamente basato sul testo francese Histoire et description générale de la Nouvelle France . . . di  Pierre-François-Xavier de Charlevoix  ebbe il merito di essere la prima storia del Canada pubblicata in lingua inglese)

 “Il Girotondo, danza circolare dei Canadesi” da
George Heriot. Travels through the Canadas. 1807.



 Danze al castello – George Heriot 1805
© Library and Archives Canada, C-000040.


Costume of Domiciliated Indians, c. 1807
Ambientati in un campo di caccia e pesca provvisorio alcuni aborigeni dell’inizio del 19esimo secolo vengono qui rappresentati da George Heriot con abiti, utensili e armi di fattura mista tra la tradizione locale e le fogge europee.
Library and Archives Canada (C-012781)

lunedì 23 febbraio 2015

CORRISPONDENZA SPECIALE

Ricordi il post "Caro Amico ti scrivo..." del 9.12.2009?
Caro amico,
ti scrivo da Quesnel, da Barkerville e da Wells, lungo la strada percorsa dai cercatori d’oro per raggiungere i giacimenti Cariboo nel nord della British Columbia circa 150 anni fa…
Potrebbe iniziare così il tuo messaggio ad un amico appassionato filatelico a cui far pervenire una busta (vedi foto della busta del 2010) con l’annullo postale delle tre località citate nonché il timbro “Carried By Dogteam” a testimoniare che la corrispondenza è stata trasportata per tre giorni (22, 23 e 24 gennaio 2010) in una cesta legata ad una slitta trainata dai cani. La busta reca inoltre i loghi del Gold Rush Trail, dei 3 uffici postali che operavano - Cottonwood House, Stanley e Van Winkle - e dei 3 tuttora in funzione – Quesnel, Barkerville e Wells) lungo il percorso della corsa all’oro che attirava da ogni angolo del Nordamerica migliaia di cercatori nella metà dell’800.
Non ci credi?
Trasportare gli uomini, e la corrispondenza, con le slitte trainate dai cani era una tradizione del grande nord. E non si intende soltanto le aree degli odierni Territori (Northwest Territories, Yukon e Nunavut) ma bensì gran parte dell'odierna nazione. In Canada, come in pochi altri paesi nordici, si trattava di una parte integrale della vita durante i mesi invernali. Non c’erano alternative. Fa parte della storia, ormai elemento imprescindibile della cultura canadese risalente all’arrivo dei primi esploratori seguiti dai colonizzatori e dai missionari. Il trasporto aereo potè sostituire verso il 1920 alcune tratte ma altre zone assai remote non furono servite dal servizio fino agli anni sessanta.
Oggi è rimasto un solo luogo al mondo da dove sia possibile indirizzare una missiva ad un qualsiasi abitante del globo, imbucarla al locale ufficio postale, e sarà timbrata a mano in diverse località lungo il trasferimento che avverrà per un lungo tratto a mezzo di una slitta trainata dai cani (e guidate damushers/postini giurati!) e finalmente consegnata attraverso il normale servizio postale al destinatario, ovunque nel mondo.
Puoi inoltrare subito il tuo ordine (cdn$ 2,5 a busta+l’affrancatura): riceverai a casa le buste da indirizzare e all’interno delle quali potrai inserire il tuo messaggio speciale.

Ecco alcune buste storiche tuttora in vendita








venerdì 20 febbraio 2015

FA FREDDO?


Questa foto scattata da Marco Carroccetto per l'Ottawa Citizen la dice lunga sulle temperature che hanno flagellato la capitale Ottawa lo scorso weekend.
La temperatura minima è scesa domenica notte a -25 ma il fattore vento, che soffiava a 30/50 km orari, ha portato la temperature a -38. Un bel record tra le capitali nazionali che vede città notoriamente "freddine"  di questa stagione quali Ulan Bator, Helsinki, Mosca, Varsavia.
Le temperature si sono riportate in settimana vicino alla media stagionale (MAX -4,2/MIN -13,4), tanta neve.
METEO in tempo reale: 


Per scaldarmi il cuore  ecco Renato che da Ottawa mi manda questo messaggio con foto allegata:

Sì, ultimamente fa freschetto; questa è la serratura della porta laterale del garage. Ma succede solo raramente.



giovedì 19 febbraio 2015

HERITAGE PARK HISTORICAL VILLAGE




Ad un quarto d'ora di macchina a sud del centro di Calgary trovi un 'villaggio' dove ti troverai trasportato indietro nel tempo, un autentico museo vivente, il WEST com'era oltre un secolo fa! Un divertimento unico per bambini e adulti. 

L'HERITAGE PARK HISTORICAL VILLAGE, una fedele rivisitazione di vari momenti del passato precedenti al 1914 con autentiche costruzioni, interni meticolosamente arredati, esposizioni storiche, viaggi in treno a vapore o battello, personaggi in costume (pionieri, contadini, commercianti, Giubbe Rosse, e tanti altri) che ti ambientano in un'epoca lontana! Imboccando Main Street nel 1910 sarai attirato dal profumo del pane appena sfornato alla Alberta Bakery. Aggirati per le vie della cittadina, entra nei negozi e nelle case, assapora la storia di prima mano.









1900 Heritage Dr. S.W.
Calgary, Alberta
T2V 2X3 Canada              


Historical Village

Summer Season 2015
May 16 - Sept. 7, 2015

Open weekends only
Sept 8 - Oct.12, 2015

Gates open: 9:30am
Village opens:10:00am
Park closes: 5:00pm


mercoledì 18 febbraio 2015

AIR TRANSAT AUMENTA LA SUA OFFERTA PER LE DESTINAZIONI CANADESI

 
Risultati immagini per air transat
 
 
Air Transat, compagnia aerea leader del segmento leisure, è lieta di annunciare nuove      destinazioni in Canada dell’Ovest, in Québec e in Nuova Scozia. I viaggiatori europei           avranno accesso a nuove destinazioni e frequenze per loro vacanze, grazie ai nuovi voli per
 Québec City e Halifax in coincidenza da Montréal e per Vancouver in coincidenza da Toronto.
 
I cittadini francesi avranno ora la possibilità di scegliere Halifax, in coincidenza da Montréal,  come destinazione per le loro vacanze , così come  i viaggiatori in partenza dall’Irlanda potranno raggiungere Toronto e in coincidenza Vancouver.
Dall’Italia e dalla Spagna, saranno disponibili tre nuovi voli per Vancouver, Québec City e Halifax. Infine l’offerta ampliata da Bruxelles, includerà Halifax e Québec City, grazie ai voli nazionali in Canada.
 
Da giugno a settembre 2015, i viaggiatori potranno scegliere tra più destinazioni canadesi quando verrà il momento di pianificare le loro vacanze. Potranno inoltre godere dei molti vantaggi dell’opzione di volo multi-destinazione di Air Transat, che consente ai viaggiatori di atterrare in un aeroporto canadese e ripartire da un altro senza costi aggiuntivi.
 
Siamo davvero lieti di offrire sempre di più ai viaggiatori con il nostro ricco programma per il Canada” – sottolinea Jean-François Lemay, General Manager, Air Transat - “Aggiungere nuovi segmenti in coincidenza, ci consente di attuare il nostro programma transoceanico e offrire la massima flessibilità ai nostri clienti, che godranno inoltre dell’eccellente esperienza di volo che Air Transat offre da più di 25 anni. “
 
I nuovi segmenti in coincidenza saranno venduti anche separatamente,  per venire incontro alle esigenze dei viaggiatori europei che vogliono volare Air Transat anche sui voli nazionali canadesi..
 
Per tutti i dettagli sui voli, le frequenze e le destinazioni canadesi di Air Transat, visitate www.airtransat.it.
 
 
 A proposito di Air Transat
Air Transat è la principale compagnia aerea canadese di  viaggi vacanze. Ogni anno, trasporta circa 3 milioni di passeggeri verso circa 60 destinazioni in 30 paesi, a bordo della sua flotta di Airbus wide-body jet e Boeing narrow-body. L'azienda impiega circa 2.000 persone. Air Transat è una business unit della Transat A.T. Inc., un tour operator integrato internazionale con più di 60 paesi di destinazione e che distribuisce prodotti in oltre 50 paesi. Air Transat è stata nominata miglior compagnia aerea nord americana per i viaggi vacanze all’annuale premio Skytrax tenutosi a luglio 2014.


 
Risultati immagini per air transat

 
 
 
 


 

 
 
 

martedì 17 febbraio 2015

ORSI POLARI, BELUGHE, VOLPI,GUFI E LEPRI : PARTENZA DAL LAZY BEAR LODGE DI CHURCHILL, MANITOBA


 



With 60,000 Beluga Whales filling the Hudson Bay and Polar Bears leaving the pan ice, summer is the perfect time to visit Churchill. Let our experienced guides take you on jet boat tours of the Bay and river estuaries where you’ll see countless Beluga Whales. See Polar Bears in their summer environment on the rocks and swimming in the water.

Whale lovers, this is your chance to be in the heart of all the action when 60,000 Beluga Whales (the highest concentration in the world!) descend upon Hudson Bay. You can add on additional tours to Kayak and Snorkel with these beautiful creatures and our experienced guide will take you on a boat tour to their favourite sites. On land, you’ll see the historic sites of Churchill and wind down in the serenity of the Lazy Bear Lodge.

The Lazy Bear Wilderness Expedition is for those who are active, love nature and are up for a physical challenge. It is not for the faint of heart. You’ll spend time camping, hiking, kayaking and exploring parts of the boreal forest virtually untouched since they were discovered in the 18th century. Throughout the week you’ll travel by plane, jet boat, kayak and possibly a Huck Finn-styled raft in a once-in-a-lifetime arctic adventure. Spaces on these expeditions are extremely limited, so book your spot well in advance.
Source and more information: http://www.lazybearlodge.com
Spend two days on our Arctic Crawler™ tundra vehicles in search of the majestic Polar Bear. Your experienced guide will take you to Polar Bear hot spots with stops along the way at wilderness areas known for Arctic Fox, Arctic Hare and Snowy Owls. Each night you will return to the Lazy Bear Lodge for good food and a good night’s sleep.




La strada verso il paradiso degli amanti delle belughe e degli orsi bianchi incomincia da Churchill, Manitoba. Il periodo ideale per osservare le belughe è luglio e agosto mentre per gli orsi polari tutto si concentra nel mese di ottobre.




Le spedizioni sono limitate per la – speriamo per molto –mancanza di facili vie di comunicazione e oltre agli esemplari dei citati orsi e belughe, si possono fare escursioni in kayak nei posti più impensati della natura che più selvaggia non si può dove vivono serene le volpi artiche, le lepri selvatiche e il gufo delle nevi.

Uno dei viaggi della fantasia










lunedì 16 febbraio 2015

MAD FOR MARMALADE? CITRUS LOVERS TO TAKE PART IN TORONTO WORKSHOPS


This June 9, 2014 photo shows an assortment of jams from left to right, Trappist cherry preserve, Bonne Maman fig preserves, Mackays dundee orange marmalade and Crofter's superfruit spread in Concord, N.H.
 

This June 9, 2014 photo shows an assortment of jams from left to right, Trappist cherry preserve, Bonne Maman fig preserves, Mackays dundee orange marmalade and Crofter's superfruit spread in Concord, N.H.
AP Photo/Matthew Mead
 
 
TORONTO – Lovers of oranges and lemons can learn how to make everything from preserves to the refreshing drink limoncello at a series of workshops celebrating marmalade and all things citrus.

Mad for Marmalade, set for Saturday, Feb. 21, 2015, is being organized by the Canadian Historians of Canada and held at Fort York National Historic Site.

The event, the eighth annual, will have an Italian flavour.

Gino Marchetti, executive chef of Toronto’s Ristorante Boccaccio, will show how lemon, alcohol, water and sugar creates the delectable liqueur limoncello.


Joanne Girimonte of Meaty Meats will demonstrate her grandmother’s pollo al mattone, or chicken cooked under bricks.







If you think fruitcake is only from Great Britain, cookbook author Elizabeth Baird, also a volunteer historic cook at the fort, will show how Italian panpepato is the ultimate year-round treat, chock full of almonds, walnuts, honey, wine, golden raisins, candied fruit, chocolate, pepper, sweet spices and lots of fresh orange peel.

Professional home economist and food writer Emily Richards shares her family recipe for crostata di marmellata, a traditional jam tart with a simple crust.

There will also be workshops featuring Italian marmalade, Italian ice cream with lemon and orange, and citrus biscotti.

As well, those who fancy themselves champion marmalade makers or bakers using marmalade can take part in a competition.

Speakers are Fina Scroppo, author of The Healthy Italian, and Loretta Gatto-White, co-editor of the anthology Italian Canadians at Table: A Narrative Feast in Five Courses.

Tickets are $50 plus HST and include a tour of Fort York. For information call 416-392-7503.

Staff - Canadian Press, February 2015

Nell'immaginario di molti la cucina italiana in Canada è cristallizzata al momento dell'arrivo degli emigranti italiani. In realtà, le diverse cucine regionali hanno fatto conoscere un'Italia ben diversa. Così  come da noi la cucina tradizionale continua a trasformarsi, anche in  Canada il cibo italo canadese continua la sua evoluzione esattamente come avviene nel linguaggio : ci sono nuovi ingredienti, nuove idee, nuovi gusti. Naturalmente gli spaghetti aglio e olio con peperoncino piccante e un bicchiere di Cirò sono sempre graditi, ma il mondo cambia e accettiamo senza troppe storie un calice del vino prodotto nella penisola del Niagara, magari etichettato Pillitteri o prodotto da Don Ziraldo.

Citrus event at Toronto's Fort York