lunedì 12 giugno 2017

RILEGGIAMO... PAUL KANE NELL'OVEST CANADESE


Il pittore PAUL KANE (nato a Mallow – Irlanda il 3 settembre 1810 e morto a Toronto il 20 febbraio 1871)  è il più famoso di tutti gli artisti-esploratori canadesi.
Kane immigrò con tutta la sua famiglia prima del 1822 e si stabilì a York (Toronto). Lavorò dapprincipio come decoratore di mobili e nel 1841-42 visitò l’Italia per copiare i dipinti dei grandi maestri del passato.
Un’esposizione londinese dei dipinti di George Catlin raffiguranti gli indiani d’America lo entusiasmò a tal punto che, ritornato in Canada, fu determinato a dipingere una serie di quadri similari nel Nord-Ovest canadese.
Kane lasciò Toronto nel 1845 con l’obiettivo di disegnare gli Indiani nelle loro terre e raccogliere le leggende dei medesimi. Viaggiò attorno la regione dei Grandi Laghi ma, spaventato per i possibili pericoli di un viaggio solitario verso le terre del Pacifico, prese contatto con Sir George Simpson – soprintendente della Hudson’s Bay Company – che organizzò per lui il viaggio verso Ovest con la flotta di canoe dei commercianti di pellicce.
Si unì ad una spedizione commerciale a Fort William (Thunder Bay – Ontario) nel maggio del 1846 e viaggiò con loro verso Ovest fino a Fort Garry. Qui fu testimone dell’ultima caccia al bisonte in quella regione, continuò fino a Norway House e seguì il fiume Saskatchewan fino a Fort Edmonton.
Dopo aver attraversato le montagne a dorso di cavallo, discese il fiume Columbia disegnando molti schizzi di Mount St. Helen e delle tribù rivierasche della zona. Ritornò a Toronto nel 1848, portando con sé 700 disegni sia di panorami dell’Ovest che delle popolazioni indigene di circa 80 tribù. 


Kane – come era tipico degli artisti di quel tempo con un retroterra culturale europeo – guardava con curiosità ai popoli indigeni. Tutti loro erano interessati a registrare e anche a enfatizzare delle popolazioni native ciò che a loro pareva esotismo. Le loro immagini che ritraggono le popolazioni native spaziano da una visione realistica ad una fortemente romantica e sono tutti dipinti nello stile in voga in Europa in quel periodo.
Dopo il suo ritorno Kane visse tranquillamente a Toronto. Dipinse tele dai suoi disegni, resi secondo lo stile europeo del suo tempo. Un centinaio di tele acquistate da George Allan si trovano ora nel Royal Ontario Museum di Toronto, mentre dodici, acquistati dal governo federale sono nella National Gallery a Ottawa.

Indiani Assiniboine a caccia di bisonti
Sei Capi di tribù Piedineri dipinti da Paul Kane lungo il fiume South Saskatchewan
Accampamento indiano a Fort Colville - essicazione del salmone
Accampamento indiano sul lago Huron 
1847  L'eruzione del Mount St. Helen's di notte
Caw-Wacham, donna Testapiatta,  col suo bambino
Un guerriero Cree delle Pianure , incontrato lungo il fiume North Saskatchewan 
Trasbordo di White Mud a Winnipeg

Il resoconto del viaggio di Kane (Wanderings of an Artist among the Indians of North America) fu pubblicato nel 1859 e tradotto in danese, francese e tedesco. Si tratta di un classico canadese, ricco di aneddoti atti a completare i suoi disegni con una vivida descrizione della vita degli Indiani, dei meticci, dei commercianti della Hudson’s Bay Company e dei missionari durante il quarto decennio dell’Ottocento.

PAUL KANE

a Toronto nel ROYAL ONTARIO MUSEUM


e ad Ottawa alla NATIONAL GALLERY-MUSÉE DES BEAUX-ARTS

Nessun commento: